antonio beato

SOS Archivi main sponsor del progetto di restauro e valorizzazione del fondo fotografico “Antonio Beato”

Dal 16 maggio al 24 giugno 2018, nella Sala Conferenze Civico Archivio Fotografico, Raccolta delle Stampe “A. Bertarelli” del Castello Sforzesco di Milano, si terrà la mostra “Antonio Beato. Viaggio in Egitto nell’Archivio del Touring Club Italiano e in collaborazione con il Civico Archivio Fotografico di Milano“.

La mostra, a cura di Roberto Mutti e Luciana Senna, espone per la prima volta 48 stampe fotografiche originali di Antonio Beato, fotografo di origine veneziana attivo in Egitto tra il 1860 e il 1900, appartenenti alle collezioni del Touring Club Italiano e valorizzate grazie anche all’apporto di SOS Archivi. 

Saranno, inoltre, esposti album fotografici coevi sull’antico Egitto, con fotografie di A. Beato, F. Bonfils, J. Pascal Sebah, Zangaki e altri, appartenenti alle collezioni del Civico Archivio Fotografico di Milano (a cura del conservatore, Silvia Paoli).

Nella seconda metà dell’Ottocento l’interesse per l’Oriente, in particolare il Vicino Oriente, da molto tempo assai vivo in Europa, trova nella fotografia un eccezionale medium per esprimersi. Se in precedenza l’illustrazione di luoghi e genti – l’esotico – era affidata a disegni o incisioni più o meno fantasiose, ora la stampa fotografica, riproducendo fedelmente quello che il viaggiatore ha visto, diventa essa stessa un formidabile carnet de voyage. Ricordi di viaggio da riportare a casa con stampe acquistate a Istanbul, a Gerusalemme, a Petra, da fotografi che avviano in loco fiorenti attività commerciali; e soprattutto dall’Egitto, che suscita uno straordinario interesse: il più noto tra i fotografi operanti nella terra dei faraoni è Antonio Beato, che qui si stabilisce tra il 1860 e il 1900.

Le 48 stampe all’albumina, conservate nell’archivio fotografico del Touring Club, sono oggetto di un articolato intervento di valorizzazione, condotto con l’Associazione SOS Archivi, di cui la mostra è la tappa conclusiva. Frutto di probabili lasciti di viaggiatori diversi – si individua un gruppo di 32 stampe con didascalie manoscritte e almeno altre 2 stampe con annotazioni uniformi –, tracciano nell’allestimento espositivo un ideale viaggio lungo il Nilo, scendendo dalle piramidi di Giza fino ad Abu Simbel. Il gruppo delle 32 fotografie è datato 1878, anno che consideriamo perciò un termine ante quem per datare lo scatto e, forse, il viaggio.

Grazie al contributo di Bucap S.p.A. e CD Removals è stato possibile sostenere tutto il processo di recupero e valorizzazione delle fotografie. A partire dal restauro delle stampe fotografiche, indispensabile poiché le stampe, incollate su supporti di cartoncino, risultavano imbarcate e necessitavano di un intervento che le riportasse alla planarità. Esse sono state poi digitalizzate e infine catalogate. Le foto si possono consultare sul sito https://digitouring.it, l’archivio digitale del Touring. L’intero progetto, con tutte le fasi di lavoro, è stato inoltre raccontato in brevi video raccolti su un sito dedicato, che li propone in ordine temporale (https://antoniobeato.sosarchivi.it/). Tutti i video sono parte integrante della mostra, per illustrare il complesso lavoro d’archivio e la corretta conservazione in vista della valorizzazione, ovvero per restituire il valore di conoscenze e di cultura di un archivio a un pubblico il più ampio possibile.

Il progetto Antonio Beato partecipa all’Anno europeo del patrimonio culturale e rientra nel calendario italiano degli eventi, pubblicato su www.annoeuropeo2018.beniculturali.it.

Giovedì 17 maggio 2018, alle ore 18 la professoressa Patrizia Piacentini, ordinario di Egittologia all’Università degli Studi di Milano, terrà nella sala della mostra una conferenza sul ruolo della fotografia di Antonio Beato negli studi archeologici sull’Egitto.

antonio beato